OPEN STUDIO Federico Tosi / Il Signorino

con Arrivada srls Milano

Sì bravi, intanto qui c’è sabbia dappertutto, si sente puzza di plastica bruciata e le scarpe sono tutte inzuppate e la salsedine lascerà un alone bianco che odio. Sempre odiato il mare, fin da piccolo. Poi dicono che va tutto bene, sì, come no. Il telefono non prende, figurati! Idiota d’un pilota! Poi dà la colpa ai cormorani che si sono infilati nei motori, ma dai, è lui che è un bel coglione! Quello mi ha messo in un gran casino... guarda in che posto ci siamo cacciati, questo sole...Ma vaffanculo i cormorani, sai a me che me ne frega se—Zitto zitto arrivano delle persone...chiediamogli dove siamo…Guarda che si avvicinano, guarda guarda...ma...ma chi sono queste? Tutte nude coi fiori e i Mojito! Ma che fanno che succede? Oddio lei è bellissima, signorina lo sa, lei è bellissima! Ma che lingua parlano? Oddio lei è davvero bella e ha un profumo fantastico. Che luce bianca caldissima, guarda che nuvole rosa…Mi piace questo posto. Tu mi piaci.
Anche tu mi piaci! I tuoi occhi neri non li potevo nemmeno immaginare, figurati. Questo profumo delizioso... cos’è signorina, papaya?...Guarda le palme! Adoro le palme! E tu, cazzo, tu sei bellissima, anche tu, anche tu sei stupenda! Oddio guarda che culo d’ebano vellutato…
Voglio stare qui per sempre. Questo posto mi piace da morire.