Peter Wächtler

Hannover, 1979. Vive e lavora a Bruxelles.
Mentre potrebbe apparire estraneo o sconosciuto, la vita sottomarina, la domestica borghese o il mondo dei cartoni animati di Peter Wächtler sono semplicemente habitat, ognuno con una serie di comportamenti, forme di vita, movimenti, oggetti, immagini e relazioni. Quello che è un disastro in uno è un miracolo in un altro e nient'altro che una routine in un altro. Dislocandoli o mescolandoli insieme la loro logica va in corto circuito. Per un maggiordomo, simile al personaggio che così spesso si presenta nel lavoro di Wächtler, gli atti di intimità, ospitalità, corruzione, lussuria, gentilezza, disperazione, generosità, gelosia, ipocrisia o delinquenza sono tutti uguali in fin dei conti: è solo un'amministrazione. Oppure, in un cartone animato, l'umorismo morto può essere ricoperto di depressione e pathos, usato per raccontare storie di ratti dal cuore spezzato o hobos.

Le recenti mostre personali di Peter Wächtler includono la dépendance, Bruxelles, Kunstverein Hildesheim, Ludlow 38, New York, Kunsthalle Wien, Vienna, Galerie Lars Friedrich, Berlino, Etablissement d'en Face, Bruxelles. Il suo lavoro è stato inserito in mostre collettive alla Lyon Biennale, Wiels Centre d'Art Contemporain, Bruxelles, Witte de With e Centre for Contemporary Art, Rotterdam.

 

Peter Wächtler
Mascot (sea otter), 2015
bronzo
h. 82 × 79 × 50 cm
Peter Wächtler
Sconosciuto, 2015
bronzo