Libero Maggini

 Nato a Viareggio nel 1970 da padre scultore e madre ceramista, Libero Maggini è praticamente figlio d'arte.
Inizia da bambino a disegnare fumetti e, diplomato al Liceo Artistico di Lucca, va un anno a Londra per studiare la lingua inglese. Rientrato a Viareggio, lavora con il padre all'allestimento delle scenografie del Festival Pucciniano, maturando ben presto la passione per la scultura e frequentando l'Accademia di Belle Arti di Carrara. 
Nel 2008 la Fondazione Carnevale gli commissiona la realizzazione di un'opera in bronzo per la città di Viareggio ed è così che nasce MAGGIO, un insolito gruppo di cinque sculture, attualmente installate sull'estremità del porto di ponente, che segnano l'inizio di un nuovo percorso artistico che vede Libero lavorare in alcuni laboratori di Pietrasanta, firmando numerose ed originali opere in bronzo, terracotta e marmo fino ad approdare, negli ultimi tempi, al misterioso mondo dei graffiti.
Partendo dal disegno e dall'espressività delle figure, l'artista lavora differenti materiali con un tocco personale e decisamente inconsueto. 
Il plasmare la materia in totale libertà, lasciando spazio alla fantasia, lo portano a sperimentare tecniche sempre differenti e ad un continuo confronto con la realtà di ogni giorno che ritroviamo dirompente nelle espressioni cariche di umanità e dolcezza dei soggetti raffigurati nelle sue sculture. 
Lo sguardo curioso e sensibile con il quale Maggini si affaccia al mondo dell'arte gli permette di esprimersi con una naturalezza ed una freschezza immediatamente percepibili in ogni sua opera, che diventa così una piccola tappa del suo percorso di vita, un modo per riflettere e comunicare un'attenta e continua ricerca interiore, dalla quale traspare un intricato intreccio di emozioni, impulsività e sentimenti. 

Libero Maggini
,
bronzo